Tra Nizza e Cuneo, quasi dimenticati da alpinisti e organizzatori di escursioni, si trovano le Alpi Marittime. Mentre al Sud i turisti si avviano verso la costa ligure, qui nelle montagne, neanche a[nbsp] 40 chilometri di distanza, è difficile incontrare estranei. Le Alpi al Argentera si levano fino a 3300 metri di altezza e nonostante il loro nome mite, le cime più alte delle Alpi Marittime sono ripide, rocciose e addirittura ghiacciate. Verso Sud invece troviamo un paessaggio di colline che ci porta fino al mare. Le nostre escursioni ci portano su territorio francese e italiano,[nbsp] tramite meravigliosi prati, famosi in tutto il mondo per la ricchezza botanica, boschi di[nbsp] pini e malghe a cime bellissime. Con cielo sereno da quì possiamo vedere fino alla Corsika e addirittura fino al Monte Cervino. Lungo[nbsp] i sentieri troviamo innumerevoli laghi, nel Parco Naturale delle Alpi Marittime scorazzano[nbsp] marmotte, camosci e stambecchi, le pitture rupestri[nbsp] nella “Valle delle meravigle” sono unici nelle Alpi. La prima parte della settimana siamo ospiti da Bartolo nella Val Stura. Il menu da lui non è noto per la sua lunghezza, bensì per la scelta di piatti tradizionali e squisiti della cucina piemontese.[nbsp] Con una bella bottiglia di Barolo, Barbera o Barbaresco dalla[nbsp] sua cantina, il tutto diventa perfetto.