In questo nome possiamo trovare il mare, le Alpi, l’Italia, la Francia e tanto mistero. Nascoste come un paese lontano, dietro l’orizzonte, le Alpi marittime si sottraggono a noi scalatori e quasi mai pensiamo che anche loro facciano parte delle Alpi. Le troviamo tra Nizza e Cuneo e ci immaginiamo delle colline, quando invece le rocce arrivano ai 3297m dell’Argentera. È la vetta più alta del gruppo e a causa della sua vicinanza al mare, è la zona alpina più abbondante di neve. Una media invernale di ben 11 m di neve rende le Alpi Marittime una meta ambita anche perché la vicinanza del mare trasforma ben preso le masse di neve in firn. Queste montagne solitarie combinate alla ottima cucina piemontese, col Barolo, il Barbera e il Barbaresco, con nonchalange francese e dialettica italiana permettono a noi turisti di lasciarci tutto alle spalle e sentirci in vacanza. Indimenticabile ed inimmaginabile per tutti coloro che non l’hanno mai visto, è il panorama che si gode dalla Rocca dell’Abisso 2755m: il mare sovrastato dalle cime nevose della Corsica a sud, il Monviso, il Matterhorn fino al Monte Rosa a nord.